Pulsa "Enter" para saltar al contenido

Territorio

“La bicicletta permette di osservare il paesaggio senza essere chiusi dentro una scatola di lamiera ma movendosi alla stessa velocità del nostro pensiero”.
Da questo pensiero è nato un progetto che nasce da un’idea forte, quella che una mobilità alternativa è possibile, che non è utopia concepire un sistema di trasporti validamente alternativo all’uso massiccio dell’auto privata. Un’idea che la Provincia di Ascoli persegue attraverso diverse azioni. Alcune proiettate in un prossimo futuro, come la metropolitana di superficie che colleghi frequentemente e comodamente tutti i centri della costa e della vallata del Tronto; altre di immediata attuazione, e che infatti cominciano a funzionare, come una rete di “bike hotel” in grado di caratterizzare la propria offerta per dare ospitalità a quanti viaggiano in bicicletta o ne fanno richiesta per visitare luoghi e territorio.

 

Questo è il “territorio delle qualità” che pensiamo debba essere la nostra Provincia: le vacanze in bici nel Piceno, lungo i dolci saliscendi delle sue strade immerse nella natura, a contatto con piccoli e incantevoli centri ricchi di espressioni artistiche, storiche ed enogastronomiche, a poca distanza dalle grandi spiagge della costa sono una risposta ideale per tutti coloro, e sono sempre di più, che da una vacanza si attendono non solo riposo ma anche occasioni per curare la persona e lo spirito.

 

Trenta itinerari Piceni, luoghi e leggende per passeggiare, allenarsi e scoprire. Montagne e mare, salite e discese, tornanti e rettilinei interminabili, boschi e single track, strade levigate come velluto e le pietraie dei Sibillini. C’è tutto, eppure potrebbe esserci di più. Infinitamente di più… Il Piceno in bici è la giusta dimensione del turismo. Lento. Poetico. Aspro. Prudente. Curioso. Sfrontato. Profumato. Ghiotto. Silenzioso, ma in certi passaggi fragoroso. Rilassante e adrenalinico.
Ci sono la strada e la mountain bike. C’è l’attenzione per le piccole cose e accanto l’immensità di paesaggi possenti quanto dolci. Il Piceno in bici però è affare per ciclisti veri. Ci sono sì le ciclabili e gli infiniti chilometri di lungomare, ma quando la strada si rizza sotto i pedali, la bicicletta ritrova la sua ragione d’essere e nel Piceno di strade piatte ce ne sono davvero poche. Poi c’è la storia che fa il resto.
Tutto ciò è la forza di questa macchina così antica eppure così moderna, ma è anche la forza di questa terra, che ora può diventare un marchio di qualità. Ecco perché è nata l’idea di investire su questa idea e farne un prodotto turistico per una nicchia di intenditori. Ci sono alberghi a misura di cicloturista e punti di assistenza lungo i percorsi.

 

C’è ciò che serve per entrare in sintonia con questa terra antica e magica. Il Piceno e la bicicletta parlano la stessa lingua: quella della fatica e della conquista. Parlano a bassa voce. Per questo dopo aver percorso anche soltanto uno degli itinerari che qui vi proponiamo, sentirete il bisogno di assaggiare il successivo. E in men che non si dica avvertirete anche voi molto forte la voglia di non andare più via.